attenzione ai tassisti abusivi a Milano - tutalati contro i fuorilegge - taxi milano 028585

Come riconoscere un tassista abusivo a Milano

Taxi Milano 028585

Come riconoscere un tassista abusivo a Milano

Un fenomeno purtroppo sempre più in crescita, soprattutto nelle grandi città come Milano è rappresentato dai taxi abusivi, ormai chi viaggia spesso ne vede molti, appostati fuori delle stazioni o dagli aeroporti di questi veicoli non autorizzati a trasportare persone.

attenzione ai tassisti abusivi a Milano - tutalati contro i fuorilegge - taxi milano 028585

Da cosa si riconosce un tassista abusivo ?

Per capire come riconoscere un taxi abusivo bisogna prima capire come è fatto un taxi a norma, infatti tutti i taxi regolari sono in possesso di una licenza rilasciata dal comune di appartenenza, ad esempio il comune di Milano, questa particolare licenza li autorizza a portare delle persone all'interno del taxi e di effettuarne il trasporto a destinazione, ovviamente a fronte di un pagamento, e proprio nel pagamento troviamo la seconda particolarità del taxi, le tariffe non sono decise dal tassista, ma sono regolate tramite un tariffario comunale, che decide come funziona il tassametro di bordo, quanto costa lo scatto iniziale, quali sono i supplementi da pagare, e così via per tutti gli altri fattori che regolano la tariffa.

I tassisti ovviamente sono autorizzati a sostare fuori da stazioni e aeroporti, ma sempre rispettando le regole imposte dal comune, ovvero rispettando gli spazi di carico, gli spazi di sosta (i famosi Posteggi taxi) e le altre regole speciali previste per la loro categoria.

Fatte queste dovute premesse possiamo capire ora cosa distingue il taxi abusivo dal taxi regolare:

  • Il tassista abusivo solitamente sosta appena fuori dalle stazioni, non hanno uno spazio predisposto dove caricare e scaricare i clienti in arrivo o in partenza
  • Offrono il loro servizio in maniera poco esplicita, questo perché non vogliono farsi riconoscere dai tassisti, per evitare proteste e per evitare sanzioni
  • Non hanno un tariffario regolare, ovvero il prezzo varia da corsa a corsa e da cliente a cliente, non a caso infatti propongono solitamente a clienti poco esperti tariffe molto più alte rispetto a quelle dei taxi regolari, sfruttando la poco conoscenza della materia da parte dell'utente da trasportare, sulla tariffa bisogna inoltre ricordare che, nella maggior parte dei casi, è sempre più alta del 10/20 % rispetto a quella del taxi.

Cosa rischio nel salire su un taxi abusivo ?

Oltre a fomentare un servizio palesemente illegale come quello dell'abusivismo, si corrono altri rischi nel salire su una vettura che si traveste da taxi in maniera truffaldina.

Come già spiegato il primo svantaggio è di natura economica, certo, se siamo utenti esperti potremmo accordarci per un prezzo abbastanza equo, ma difficilmente la tariffa del tassista abusivo sarà conveniente se paragonata a quella di un taxi in regola.

Nel caso, malaugurato, in cui si faccia un incidente con delle conseguenze, il cliente del taxi abusivo non avrà alcuna tutela, e questo non solo perché il veicolo potrebbe non essere assicurato, ma anche perché la sua assicurazione potrebbe coprire solo i danni al conducente o al veicolo, tralasciando quelli al passeggero.

Un caso limite è quello di autisti che sono abilitati all'esercizio della professione, anche se in molti svolgono questa attività in maniera completamente illegale.

Come combattere il fenomeno ? Affidandosi ad un radiotaxi

Per combattere il fenomeno degli abusivi è consigliato affidarsi ad un radiotaxi serio che provvederà ad inviare, nel più breve tempo possibile una vettura in regola e con tutte le caratteristiche desiderate, ovunque vi troviate.

Il nostro Radiotaxi, operativo 24 ore su 24 da oltre 60 anni, è sinonimo di trasparenza, efficienza e serietà, questo grazie ai tanti tassisti associati che l'hanno fatto grande nel tempo e grazie alla fiducia che i nostri clienti ripongono in noi, continuando ad utilizzare il nostro servizio e continuando a raccomandarci ad amici e parenti.